Tag Archives: Esame vestibolare

  • -

Front Page

Tags : 

Studio di Otorinolaringoiatria Russo

Il Dott. Gennaro Russo ricopre la posizione di Dirigente Medico di I livello presso la U.O.C. di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale dell’AORN dei Colli – Ospedale Monaldi.

Gennaro Russo è Prof. a c. della Scuola di Specializzazione in Audiologia e Foniatria dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, è Prof. a c. del Master di II livello in Otoneurologia dell’Università degli Studi di Salerno, è Medico-Chirurgo specialista in Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale perfezionato nello studio dei disturbi dell’equilibrio, iscritto all’ordine dei medici-chirurghi di Napoli. Gennaro Russo è anche blogger.

La formazione clinica e chirurgica è stata sviluppata attraverso un percorso di crescita Universitario e Ospedaliero svolto presso l’Università di Napoli “Federico II” nei reparti di Otorinolaringoiatria, Audiologia, Foniatria e Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, presso l’Ospedale V. Monaldi, l’Ospedale Vecchio Pellegrini.

La partecipazione a corsi di approfondimento monotematici ha permesso di acquisire specifiche competenze sui disturbi dell’equilibrio, sulla diagnosi precoce dei tumori della testa e del collo, sulle malformazioni dell’orecchio interno, sull’impianto cocleare e la riabilitazione delle sordità, sull’allergologia. La partecipazione a congressi nazionali e internazionali ha impreziosito le sue conoscenze e reso possibile il confronto con i cultori della materia e le personalità di spicco dell’otorinolaringoiatria.


  • 0

L’esame vestibolare

Tags : 

Esame vestibolare con videonistagmoscopia ad infrarossi: Dott. Gennaro Russo, Specialista in Otorinolaringoiatria.

Per esame vestibolare o esame otoneurologico si intende un insieme di test che ha come scopo la valutazione clinica dell’apparato vestibolare.

L’esame vestibolare bed-side (Scuola D. Zee, V. Marcelli) è un esame clinico non strumentale che si può eseguire in ambulatorio, o a letto dell’ammalato, con l’ausilio di un lettino e di un paio di occhiali di Frenzel.

occhiali-frenzel video-nistagmo-scopia

In tal modo, l’esaminatore, avvalendosi della conoscenza della fisiopatologia vestibolare, può eseguire una fine diagnosi topografica della sede della lesione. La valutazione funzionale dell’apparato vestibolare deve tenere conto dell’anatomia (apparato vestibolare periferico e centrale) e della fisiologia di stimolazione (condizioni statiche e dinamiche) dello stesso.

L’esaminatore deve ricercare:

Segni vestibolo-oculomotori (I)

A)Spontanei

SEGNI NON NISTAGMICI (NON NY): statica oculare sul piano frontale
-Ciclotorsione OO (richiede studio del fondo oculare)
-Disallineamento verticale e ciclotorsione (skew deviation)
-Titl del capo
-Alterata percezione di verticalità

SEGNI NISTAGMICI (NY): studio del Ny
-Spontaneo: asimmetria statica G del VOR o dismodulazione centrale (posizione eretta)
-Posizionale: valutare l’effetto del vettore G sulle macule (posizione supina, fianco, Rose)

Parametri di valutazione del nistagmo:
1-Risposta alla fissazione visiva
2-Effetto della posizione del soggetto
–Ny spontaneo
–Ny posizionale
3-Parametri quantitativi:
–Grado: I, II, III
–VAFL: maggiore-minore con sguardo verso dx-sn
4-Parametri qualitativi:
–Piano (unico: centrale; multiplo: periferico)
–Direzione:
>Fissa-variabile
>Geotropsimo-apogeotropismo
(Piano e direzione: attività dei CS residui o sede della lesione centrale)
–Stazionarietà-parossismo: VAFL / tempo
–Persistenza-transitorietà: durata / tempo
–Sensibilità a G
>Generare un ny:
-Parossistico da litiasi canalare
-Ny apogeotropo in fianco
>Modificare un ny:
-Rinforzo apogeotropo
-Inibizione geotropa
–Risposta alla fissazione visiva
>Inibizione e falso deficit di inibizione
>Deficit di inibizione
>Rinforzo paradosso

B)Generati da manovre cliniche

SEGNI NON NISTAGMICI (NON NY):
-Test Halmagyi e Curthoys, HIT (VOR-R)
-Head heave test, HHT (VOR-T)
-Acuità visiva dinamica statica e in movimento

-Bow and Lean test
-Manovra Dix-Hallpike
-Manovra Pagnini-McCLure

-Test di iperventilazione

SEGNI NISTAGMICI (NY):
-Head-shaking test (HST)

C)Generati da manovre strumentali

SEGNI NON NISTAGMICI (NON NY):
-oVEMPs

SEGNI NISTAGMICI (NY):
-Nistagmo indotto da vibrazione
-Nistagmo indotto da stimolo sonoro
-Prove di stimolazione termica
-Prove roto-acceleratorie

Segni vestibolo-spinali (II)

A)Generati da manovre cliniche
-Romberg sensibilizzato
-Fukuda
-Unterberger

B)Generati da manovre strumentali
-cVEMPs (VCR)

Segni visuo-oculomotori (III)
-Sguardo eccentrico (gaze)
-Movimenti saccadici
-Smooth pursuit
-Ny otticocinetico (OKN)


  • 0

La Vertigine Parossistica Posizionale o VPPB

Tags : 

La Vertigine Parossistica Posizionale Benigna: Dott. Gennaro Russo, Specialista Otorino.

La vertigine parossistica posizionale benigna (VPPB) è una patologia caratterizzata da brevi episodi di vertigine scatenata dall’assunzione di una determinata posizione.

Tali episodi si ripetono ogni volta che il paziente assume una certa posizione, detta scatenante. E’ causata dal distacco eccessivo di otoconi (cristalli di carbonato di calcio) dalla macula dell’utricolo e dal loro posizionamento nei canali semicircolari posteriore (CSP), laterale (CSL) e più raramente anteriore (CSA). Il diverso peso specifico degli otoconi rispetto all’endolinfa canalare, ne determina il movimento per azione della forza di gravità. La terapia prevede specifiche manovre di riposizionamento degli otoconi.

vppb

-La Vertigine Parossistica Posizionale (VPP) del canale semicircolare posteriore è caratterizzata da una sintomatologia vertiginosa che si scatena nel posizionamento di Dix-Hallpike, cui si associa un Ny parosstico e transitorio dissociato torsionale (orario per il CSP sinistro e antiorario per il CSP destro) verticale up-beating.

-La Vertigine Parossistica Posizionale (VPP) del canale semicircolare laterale è caratterizzata da una sintomatologia vertiginosa che si scatena nella posizione in fianco, durante la manovra di Pagnini-McClure, cui si associa un Ny parossistico e transitorio orizzontale biposizionale bidirezionale (più raramente orizzonto-rotatorio), di tipo geotropo o apogeotropo. Nel primo caso in fianco destro il Ny sarà diretto a destra e in fianco sinistro a sinistra; nel secondo caso al contrario.

Raramente la VPPB può essere causata da una patologia a carico dell’apparato vestibolare centrale.

La Vertigine Parossistica Posizionale Benigna (VPPB): filmato tratto da un Power Point del Dr. Gennaro Russo

La terapia della Vertigine Parossistica Posizionale Benigna (VPPB) consiste nell’allontamento dell’ammasso otoconiale dal canale interessato, mediante una serie di manovre liberatorie.
-La manovra di Epley: prevede il posizionamento in Dix-Hallpike dal lato affetto, successiva rotazione del capo nella posizione di Dix-Hallpike controlaterale, posizionamento in fianco con il capo rivolto verso il basso, ritorno alla posizione eretta.
-La manovra di Gufoni: basculamento dalla posizione seduta verso il lato sano, successiva rotazione del capo in basso.
-La manovra di Gufoni invertita: basculamento dalla posizione seduta verso il lato affetto, successiva rotazione del capo in alto.

In associazione a tali manovre sono descritte delle tecniche di decantazione, che hanno lo scopo di favorire l’allontanamento dell’ammasso otoconiale dal canale sfruttando l’azione della forza di gravità durante le ore notturne. Tale tecnica prende il nome di Posizione Coatta di Vannucchi, ed è specifica per la litiasi del canale semicircolare laterale.
-Litiasi geotropa del CSL: decubito sul lato sano
-Litiasi apogeotropa del CSL: decubito sul lato affetto

Dott. Gennaro Russo
Medico-Chirurgo, Specialista in Otorinolaringoiatria
C.so Garibaldi 38 – Afragola
Prenotazioni: 333-1140738


Cerca

Categorie

Archivio articoli:

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Cookie policy