Tag Archives: Disturbi dell’equilibrio

  • 0

Vertigine e disturbi dell’equilibrio: Dott. Gennaro Russo, Otorino

Tags : 

Vertigine e disturbi dell’equilibrio: Dott. Gennaro Russo Otorino.

Lo Studio Medico del Dr. Gennaro RussoSpecialista in Otorinolaringoiatria (otorino, ORL) e Chirurgia della Testa e del Collo ha una sede situata nei pressi di Napoli, nel comune di Afragola.

Napoli sorge quasi al centro dell’omonimo golfo, dominato dal massiccio vulcanico Vesuvio e delimitato ad est dalla penisola sorrentina con Punta Campanella, ad ovest dai Campi Flegrei con Monte di Procida, a nord ovest-est dal versante meridionale della piana campana che si estende dal lago Patria al nolano.

Lo Studio impegna le sue forze e le sue risorse, sia per pazienti adulti che pediatrici, nell’ambito di:

La diagnostica Otorinolaringoiatrica (otorino, ORL) che viene offerta ad Afragola coniuga i continui progressi tecnologici e scientifici con la salute del Paziente, avvalendosi di strumenti e metodologie all’avanguardia e delle migliori risorse umane.

Vertigine e disturbi dell’equilibrio: Dott. Gennaro Russo ORL.

La vertigine è un sintomo caratterizzato dall’illusione di rotazione o movimento. La vertigine è causata da un alterato funzionamento del sistema dell’equilibrio o apparato vestibolare, che può manifestarsi sotto forma di un’asimmetria periferica acuta o una dismodulazione centrale acuta del guadagno del riflesso vestibolo-oculomotore (VOR). Vertigine dal latino vertere (ruotare).
Il disequilibrio, a differenza della vertigine, è un sintomo meno specifico e non topodiagnostico. Esso è descritto come incapacità a mantenere l’equilibrio. Topodiagnostico vuol dire che non è specifico di una lesione dell’apparato vestibolare, ne tantomeno può escludere una lesione dell’apparato vestibolare stesso. Tale sintomi, infatti, può essere causato da patologie del labirinto e del sistema vestibolare centrale.

La valutazione clinica del sistema dell’equilibrio prende il nome di esame vestibolare o esame otoneurologico. Può essere eseguito anche a letto dell’ammalato (bed-side examination) e comprende una batteria di test, strumentali e non.
– L’esame vestibolare si effettua con sistemi di inibizione della fissazione visiva, quali occhiali di Frenzel, per evitare l’attivazione dell’arco di Ito (retino-cerebello-vestibolo-oculomotore) che inibirebbe un nistagmo di origine periferica.
– L’esame prevede lo studio e la registrazione del nistagmo (Ny) spontaneo, evocato da manovre cliniche e da manovre strumentali; inoltre si ricercano segni non nistagmici.
L’esame vestibolare deve fornire, in conclusione, informazioni circa la simmetria/asimmetria acuta/cronica dell’attività vestibolare in condizioni statiche e dinamiche e lo stato delle vie vestibolari tronco-cerebellari. In questo modo si può distinguere una vertigine periferica da una centrale.

napoli


Cerca

Categorie

Archivio articoli:

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Cookie policy