Riabilitazione dell’ipoacusia

Riabilitazione dell’ipoacusia

Servizi:
– inquadramento diagnostico dell’ipoacusia
–counseling per protesizzazione acustica
– logopedia

L’ipoacusia (calo uditivo o sordità) viene classificata in accordo con le indicazioni del BIAP (Bureau International de Audio-Phonologie) in lieve (20-40 dB), media (40-70 dB), severa o grave (70-90 dB) e profonda (>90 dB) facendo la media delle frequenze 500-4000 Hz (detta anche PTA, Pure Tone Average). Esiste una seconda classificazione redatta dall’ASHA (American Speech-Language-Hearing Association) che alza la soglia della normalità a 25dB.

Non esiste un’ipoacusia da trattare ma un paziente da riabilitare: un calo uditivo sulle frequenze acute di modesta entità in una persona che utilizza la comunicazione verbale per lavoro (insegnante, impiegato, operatore telefonico, ecc) causa un notevole cambiamento nella qualità con cui è percepita la voce parlata, i suoni e i rumori. Al contrario, una persona poco impegnata nel sociale, anche in presenza di un’ipoacusia moderata, può non sentire la necessità di un ausilio per l’ascolto. In entrambi i casi una consulenza audioprotesica con la prova di una protesi acustica può dare prova al paziente dei potenziali benefici.

Prenota una visita

Spuntando questa casella accetti la nostra Privacy Policy.


Cerca

Archivio articoli:

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Cookie policy